REC.itando

WORKSHOP

Luglio 2022

LA SATIRA TIFA PER L'ICEBERG

24 luglio 2022 10:00 – 19:00

LA SATIRA TIFA PER L’ICEBERG


Lo strano titolo è un omaggio a una vecchia battuta di Daniele Luttazzi dedicata a Cesare Previti. La battuta era: “Previti non smentisce mai la sua fama di cattivo. Quando ha visto ‘Titanic’ tifava per l’iceberg”. E quindi?, qualcuno dirà. La satira è il cattivo? O, peggio ancora… la satira è Previti? Sarebbe da brividi!… Beh, battuta di Luttazzi a parte, sarebbe interessante ricordare la spocchia con cui il Titanic era considerato assolutamente inaffondabile. Figuriamoci se un misero blocchetto di ghiaccio in mezzo al mare avrebbe potuto fermarlo… eppure. In qualche modo (e, nello specifico, anche a carissimo prezzo) l’iceberg smontò la velleità semidivina del Titanic (i Titani erano appunto semidei) riportandolo alla materialità, alla misera dimensione umana. Che è proprio ciò che fa la satira. Genere multiforme che le autorità sociali, politiche, religiose di turno hanno sempre combattuto e cercato in vari modi di ridurre al silenzio, la satira ha attraversato secoli, addirittura millenni, riuscendo costantemente a rinnovarsi e a rigenerarsi nonostante l’offensiva che il Potere le ha sempre scatenato contro. Il motivo è semplice: la satira, attraverso l’esagerazione, la deformazione, ma anche la semplice informazione sapientemente utilizzata, ha l’insopprimibile bisogno di trasformare tutto in materia. Quella materia che il potere politico e religioso ha sempre cercato di staccare da sé, per ammantarsi di spiritualità. Se noi pensiamo che il re di turno sia ordinato da Dio, ci riesce più difficile immaginare che si sieda sul cesso come tutti. Eppure è così. E la satira ha la colpa di ricordarlo, sempre e comunque. Il Potere la combatte, eppure la teme. O, se si preferisce, la combatte proprio perché la teme. Il teatro, da Aristofane in poi, ha spesso eccelso e trovato linfa vitale in questo genere: così mi è venuta voglia di raccontarlo. Ovviamente in un seminario di poche ore non possiamo disperdere le forze su troppi obiettivi, perciò mettiamola così: una sorta di percorso tematico (attraverso i grandi autori satirici teatrali) di poche tappe, ma belle toste. Inizieremo sicuramente il viaggio da Aristofane, il primo autore satirico che conosciamo, e in particolare dalla prima delle sue commedia arrivata fino a noi, ‘Gli Acarnesi’, che a conti fatti è la prima grande opera satirica cui abbiamo conoscenza, e poi vedremo. L’argomento è pressoché inesauribile. Tra gli autori classici e quelli moderni tanta acqua è passata sotto i ponti, ma dal punto di vista del cuore pulsante satirico, il vecchio Aristofane e Dario Fo non sono poi così diversi… Giocheremo con i testi che ci piacciono di più, ne sceglieremo uno, o chissà, forse più di uno, e ci lavoreremo su, per fargli riprendere vita teatrale, e cercando di metterne in luce bersagli e dinamiche, anche alla luce della nostra sensibilità di esseri umani del Terzo Millennio. Come ogni forma d’arte, non può esistere satira senza presente. Le regole del gioco sono le medesime di ogni genere teatrale, l’obiettivo è più particolare: la satira sfugge a una definizione precisa, se non in negativo, e probabilmente le parole che più spesso si sono dette o scritte riguardo una qualsiasi opera satirica sono state “Ma questa non è satira!”. Come raccapezzarsi in tutto questo? Lo scopriremo insieme. Per dirla alla “School of Rock”, giochiamo a fregare il Potente


Chiedi info utilizzando il link :